LA STORIA DELLA SOCIETA'

1932

La storia della Società è quella di due realtà con molto in comune, con una grande passione per il calcio, con una grande voglia di fare (ma senza strafare) che le ha portate negli anni, nei decenni dalla loro nascita a svilupparsi e rinforzarsi sempre più, dando vita con i loro successi ad una nuova realtà solida e con importanti obiettivi all’orizzonte Fondata nel 1932, l’UNIONE SPORTIVA CARONNESE, la più antica Società sportiva del comune di Caronno Pertusella e una tra le più gloriose squadre di calci lombarde, comincia la sua attività calcistica militando negli anni anteguerra nella gloriosa Prima Divisione. I giocatori della Prima Squadra sono a quei tempi tutti caronnesi di nascita e, tra loro, ricordiamo quelli che ebbero miglior fortuna: dei vari Sozzi, Vaghi, Dones, Giudici e Cogliati sicuramente i più anziani rimembreranno le loro gesta. Annata importante è quella 1943/44: a seguito di numerosi incontri avuti tra i dirigenti delle due squadre viene sancita la storica fusione tra Caronnese e Pertusellese che da quel momento si uniscono sotto un’unica bandiera. Dopo la sospensione di tutti i campionati avvenuta nel 1945 a causa del conflitto mondiale, la U.S.CARONNESE continua a disputare la Prima Divisione e, sotto le presidenze Marazzi, Perucchetti e Lattuada, ottiene buoni risultati con una squadra che, negli anni, passa nelle mani di due importanti allenatori come Dossena e Mussi capaci di creare veri gioielli come Migliavacca, Lattuada e Robbiati.


anni ’50

Verso la fine degli anni ‘50 arriva un’importante svolta: sotto l’egida del Presidente Giuseppe Cattaneo la nostra Associazione diventa una Società legalmente riconosciuta e si dota di un vero e proprio Consiglio composto da una decina di Soci. Succesivamente, a partire esattamente dalla stagione 1959/60 la Caronnese è gestita da una vera e propria triade composta dal Presidente Gianangelo Donzelli, dal Vice Presidente Allara e dal Direttore Sportivo Paleardi che, per più di dieci anni, raccoglieranno notevoli successi e porteranno la Prima Squadra alla agognata Promozione. Presente, all’interno della Società l’onnipresente Segretario Giovanni Moretti, una vera bandiera per i caronnesi. In questi anni si succedono sulla panchina rossoblu diversi misters: i più importanti sono Mariani, Cortellezzi e Cesati. Sono anni di fulgore e il vivaio caronnese è promettente: in molti vi ricorderete dei Bettoni, Banfi, Riccardi, Vergani, Da Polenza, Gatti, Sala, Ferrante, Albizzati, Bianco, Caiumi, Pancheri, Ferrario, Guida e Valentini. Passano i decenni e arriviamo ai gloriosi anni settanta: ancora sotto la gestione Donzelli-Allara-Paleardi la Caronnese raggiunge i quarti di finale di Coppa Italia che perde ai rigori dopo una storica partita in quel di Abano Terme e ancora viene promossa al campionato d’Eccellenza. Dal 1974 fino alla soglia degli anni ‘80 ci sono da registrare continui cambi al vertice della Società che viene diretta e presieduta in ordine da Restelli, Marazzi e Ferrario. Nelle mani prima di Mister Banfi e, successivamente, di Mister Riccardi, la Prima Squadra schiera in campo autentici campioni come Giudici, Pavesi, Zaffaroni, Murgia, Schirinzi, Mazzoleni, Campi, Riccardi, Banfi e Amodeo.


anni ’80

Nei primi anni ‘80 il campionato di Eccellenza viene eliminato e si ritorna in Promozione. Nel 1982 la Caronnese conosce per la prima volta nella sua storia la retrocessione in Prima Categoria. Quell’anno coincide anche con un cambio alla guida della Società: diventa Presidente Daniele Calzolari, brizzolato signore con un enorme amore per i giovani: nel giro di un anno la Caronnese vince e stravince la Prima categoria laureandosi campione con cinque giornate d’anticipo. Sotto la gestione Calzolari, durata cinque anni, le giovanili si ampliano e il Consiglio s’allarga sempre più. In questi anni la Prima Squadra è diretta da diversi allenatori, da Mariotti a Mondini fino a Pavesi capaci di guidare un valoroso e nutrito gruppo di giocatori: tra i migliori Luraschi, Schiroli, Villa, Ferrario, Colombo, Fasani, Rimoldi, Ferrari, Migliavacca, Robbiati S., Re Dionigi, Borroni e Gamberale. Dal 1987 al 1992 il timone della Caronnese passa al dott. Aurelio Paolillo: è una gestione realmente manageriale quella improntata dal Cav. Paolillo che riesce ad ampliare ulteriormente il numero di aderenti e ad infondere veri e propri principi comunicativo-pubblicitari: è proprio dalla sua mente che viene creato dal nulla il periodico “Calcio Caronno” che informa i supporter della squadra su tutto ciò che concerne l’ambiente societario, elargendo notizie, risultati, interviste e classifiche. Alla Segreteria arriva Bruno Basilico, uno dei massimi esperti del settore, mentre per al magazzino viene chiamato Pericle Zaghi, divenuto nel tempo vera e propria bandiera della Società. Sotto la gestione Paolillo si comincia a creare un vero e proprio settore giovanile mentre la Prima Squadra incontra sempre più consensi: dalle mani di Pavesi la formazione principe della Caronnese passa a quelle di Robbiati che, nella stagione 1988/89, porta i rossoblu alla qualifica per la riesumata Eccellenza. Successivamente, la squadra è legata al nome di Mister Murgia che riesce a creare un gruppo unito e vincente: difficili da dimenticare le grandi performance dei Grassi, Nova, Somaschini, Saccardi, Milito, Ricotti, Scorti, Sarzi Braga, Dionisi, Fabris, Genovese, Della Salda, Carbone, Merlo, Magagnotti, Borghesan, Barbera e Brivio.


anni ’90

Arriviamo dunque ai nostri anni: a partire dalla stagione 1993/94 la gestione della Società è nelle mani del dott. Gianvito Giannelli che, in poco più di tre anni, ha raggiunto risultati incredibili e insperabili: scelto un nuovo allenatore (Sommaruga) e riorganizzata per bene la squadra, la Caronnese è arrivata quinta al campionato di Eccellenza 1993/94 e terza a quello dell’anno successivo. Nella stagione 1995/96, dopo un inizio burrascoso, la formazione di Caronno Pertusella è passata nelle mani di Mister Ferdinando Meroni che, impostato un certo tipo di lavoro, ha riportato i rossoblu tra le prime cinque squadre del campionato. Tra i nuovi protagonisti della Caronnese di questi ultimi anni possiamo citare Bistoletti, Pisciottu, Sacchi, Brunetti, Berardi, Vincenzi, Ponzoni, Magnone, Mattaini, Pasquadibisceglie, Mazzei e tanti altri. Il dott. Giannelli, con la stagione 1996/97, ha poi riassettato l’intera Società raggiungendo un’organizzazione invidiabile: tra settore giovanile e Prima Squadra, consiglieri, allenatori, addetti stampa e collaboratori abbiamo raggiunto l’imponente numero di 400 persone. Rappresentante ufficiale del Consiglio e della Società tutta è il Presidente (il riconfermatissimo Dott. Giannelli) mentre Vice- Presidenti sono stati nominati Giuseppe Borsani, Augusto Reina e Carlo Restelli. Compiti di gestione operativa spettano invece al Direttore generale, nuova figura all’interno della Società che è stata ricoperta da un vero e proprio decano del calcio caronnese, Angelo Volontè. Ma la novità più importante del nuovo organigramma della Caronnese è caratterizzata dalla nascita di un direttivo denominato Comitato di Coordinamento, presieduto in nome del Consigio dal consigliere Angelo Marazzi, che con le sue frequenti riunioni potrà risolvere tutti i problemi ordinari che si potranno presentare nella gestione societaria. Il Comitato di Coordinamento è composto inoltre dalle cinque direzioni operative della Società, ciascuna delle quali è responsabile di un’autonoma organizzazione di mezzi e di uomini atti alla gestione di un particolare settore della Caronnese: passando in rassegna le diverse cariche possiamo scorgere i nomi di Angelo Volontè quale Direttore Amministrativo, di Ugo Radrizzani e Roberto Fici in veste di Direttori Tecnici, di Bruno Basilico e Dante Croci addetti alla Segreteria Generale, di Francesco Sozzi Presidente del Settore giovanile e di Fabrizio Volontè quale responsabile della neonata struttura “Calcio Caronno Promotions” che si occuperà della realizzazione del giornale “Calcio Caronno”, iniziativa editoriale impegnativa arrivata all’ottavo anno di pubblicazione, dell’immagine pubblica e delle politiche pubblicitarie della Società nonchè dei rapporti con la stampa. Otto squadre al servizio dello sport: Prima squadra, Juniores Regionali, Allievi Regionali, Giovanissimi Regionali, Giovanissimi Provinciali, Esordienti, Pulcini A e B. Nel corso dell’annata 1996/97 la Caronnese ha conquistato importanti risultati: la Prima Squadra (riconfermato Meroni alla guida) ha concluso, dopo un incredibile girone d’andata (13 vittorie consecutive), con una ragguardevole quinta posizione (46 punti in trenta partite). Tra i neoacquisti da registrare gli arrivi di Adriano Mosele, superstar dei campionati professionistici, di Marco Simioni (attaccante della Castanese), di Ivan Piccoli e Riccardo Garri (rispettivamente centrocampista e difensore della Guanzatese). La Juniores Regionale, sotto la guida di Mister Marco Bergamaschi, ha vinto, per la prima volta nella storia rossoblu, il campionato regionale lombardo, e le sette squadre giovanili hanno dimostrato il loro valore nei loro campionati, anch’essi a carattere regionale. La stagione 1997/98 vede l’arrivo del nuovo Presidente Francesco Sozzi e del nuovo allenator della Prima Squadra Domenico Zilio: è un’annata altalenante per la nostra squadra che alla fine, a causa di numerosi infortuni, è costretta ad aggiudicarsi di un non esaltante dodicesimo posto in classifica. Grande euforia per il settore giovanile: in particolare i Giovanissimi Regionali disputano un’annata d’oro mentre la Juniores Regionale di Mister Alberto Croci si supera diventando prima campione regionale, dunque del Nord Italia e quindi vice campione italiano in uno storico incontro disputato a Tivoli (Roma) contro la formazione calabrese della Cariatese. Nel 1998 c’è un cambio della guardia in seno alla Società: Presidente della Caronnese diventa Carlo Restelli, in assoluto uno dei consiglieri più anziani e conosciuti. Restelli prende il posto di Francesco Sozzi che di diritto entra nel gruppo dei garanti societari, ovvero dei membri del Consiglio che con il loro operato garantiscono l’operatività della società. Dunque una successione interna all’insegna della tradizione della U.S.Caronnese, sempre attenta alle sue finalità societarie e forte di un numeroso consiglio formato da alcuni tra i più importanti imprenditore del saronnese. E all’insegna della tradizione sono anche le altre più importanti cariche societarie: Roberto Fici ricopre per il secondo anno consecutivo la carica di Direttore Sportivo, Bruno Basilico è il Segreterio Generale, Angelo Volontè il responsabile amministrativo, Massimo Basilico il Presidente del Settore Giovanile mentre Fabrizio Volontè è il responsabile di Calcio Caronno Promotions. Nel periodo 1998-99 la Prima Squadra è affidata prima a Ernesto Sommaruga, che ritorna sulla panchina della Caronnese dopo diversi anni di attività sul campo. Alla fine del girone d’andata, in concomitanza di risultati non particolarmente esaltanti, il Consiglio cambia la guida della squadra: nuovo allenatore è Mister Novara che porta la squadra alla salvezza finale. Ancora una volta la Juniores guidata da Mister Croci si laurea campione lombardo.


dal 2000

L’annata 1999-2000 è caratterizzata dalla promozione sul campo di Alberto Croci che prende le redini della Prima Squadra: l’inizio della stagione è difficile ma poi, con l’arrivo di giocatori del calibro di Pasquale Sarcina, Andrea Campi, Marco Riva e Alessandro Pessoz, con alle spalle una buona esperienza di categoria, i rossoblu riescono a risollevare le sorti del proprio campionato terminando con una serie quasi interminabile di successi. Sul fronte delle giovanili la Caronnese è guidata da Busnelli, nuovo direttore del settore giovanile, che stringe un proficuo rapporto con Il Como Calcio e costruisce la Scuola Calcio con più di 40 allievi. Gli juniores regionali vincono per la prima volta il prestigioso torneo Intercil cui partecipano le 64 formazioni più forti della regione Lombardia. Nel 2001 la Società, presieduta da Carlo Restelli, prosegue con vitalità la sua attività: alla corte di Mister Croci arrivano nuovi giocatori come Albino Bianchi, Federico Formigari e Giuseppe Nappi. S’intravvedono ragazzi di buone speranze come Claudio Monti, Alessandro Imonti, Luca Labita e il portiere Luca Chiodini. Per la Prima Squadra è un’annata difficile ma alla fine, dopo spareggi e ripescaggi, i rossoblu si riconfermano in Eccellenza. A livello di Settore Giovanile, presieduto da Giuseppe Busnelli, gli Juniores regionali e i Pulcini 92 vincono i loro rispettivi campionati. La stagione 2001-2002 è per la Caronnese un’annata di buoni successi: la Prima Squadra vede l’arrivo del nuovo direttore sportivo Sergio Robbiati (ex giocatore rossoblu) e di importanti giocatori come La Falce, Torre, Crivellaro e Capacchione e, guidata per il terzo anno consecutivo da Alberto Croci, raggiunge un piazzamento di centroclassifica. A livello di Settore Giovanile la Juniores Regionale per un soffio non vince il proprio campionato mentre Allievi e Pulcini 92 centrano l’obiettivo. Nella stagione successiva (2002-2003) assistiamo alla rinascita di un grande settore giovanile: è Emilio Legnani l’artefice di questo grande successo, capace di moltiplicare il numero delle squadre costruendo un vivaio veramente importante. Tutte le squadre si piazzano benissimo alla fine, con Juniores Regionali e Pulcini 92 vincitori del girone. Sul fronte Prima Squadra è la sfortuna ad avere la meglio: nonostante l’arrivo di veri campioni come il bomber Buommarito e il portiere Perugini i rossoblu, guidati prima da Giacomo Sapienza, poi da Mauro Spoldi ed infine dallo stesso Sergio Robbiati, non riescono a confermarsi in Eccellenza, conoscendo la retrocessione in Promozione. La stagione 2003-2004 vede una prima squadra protagonista del campionato di Promozione: la formazione, guidata da mister Alberto Croci, registra l’arrivo di validi giocatori come Guarino, Ruffini, Bruschini, Mottadelli, e Mondello ma manca di un soffio la promozione perdendo i play off di fine stagione. Da registrare all’interno del Settore Giovanile la buona performance della Juniores regionale (seconda in classifica finale) e la vittoria del campionato dei giovanissimi che si regalano la promozione al campionato regionale. In questi anni la Società si riorganizza e, grazie all’impronta manageriale del nuovo Presidente Augusto Reina (già facente parte del Consiglio di Società) viene plasmata per essere pronta a gestire nel corso delle stagioni successive un duplice salto di categoria. Nel corso della stagione sportiva 2004-2005 la Prima Squadra riesce a raggiungere l’importante obiettivo di ritorno tra le grandi del calcio dilettantistico: infatti, prima sotto la guida di Mister Croci ma soprattutto con Mister Massimo Enfi i rossoblu vincono i play off e ritornano in Eccellenza. Tra i più importanti arrivi segnaliamo: Bruno, Cavallo, Ippolito, Faraci, Giannico, Volontè, Ginepro e Tuani: un ricambio generazionale che dona alla squadra di Capitan Mereu la caparbietà di centrare l’obiettivo. Nel Settore Giovanile segnaliamo la vittoria del campionato dei Pulcini 1996 guidati da Mister Mariani. La stagione 2005-2006 si apre con l’arrivo di un nuovo staff tecnico con a capo Mister Attilio Papis: la squadra, ritornata in Eccellenza, registra l’arrivo di importanti pedine quali Mattia Colombo, Roberto Civita, Cristian Caon, Stefano Lucini e Fabio Montorfano. I rossoblu arrivano settimi al termine dell’anno sportivo che premia con il primo posto in classifica i Giovanissimi 91 e gli Esordienti 93. Le due stagioni che seguono (2006-2007 e 2007-2008) vedono una Prima Squadra protagonista del campionato di Eccellenza in termini di gioco su campo: il nuovo allenatore Giovanni Cusatis (con un curriculum di calcio professionistico) imprime infatti nuova vitalità alla formazione che nel frattempo viene rinforzata con l’arrivo di importanti giocatori come Moscatelli, Livieri, Albertini, Radice, Bonacina, Borghi, Giacomini, Pinato, Rosa e Scavo. La squadra diventa la formazione da battere per tutti ma i risultati non sono altrettanto spumeggianti: in entrambe le stagioni non si va oltre la media alta classifica senza arrivare all’obiettivo play off. Nella stagione 2008-2009 la guida della squadra passa nelle mani di Domenico Zilio. La squadra viene completamente rimodellata e molteplici sono i nuovi acquisti che vestono le maglie rossoblu: Impagnatiello, Ferrari, Palumbieri, Melosi, Marsich, Veneruz, Martucci, Appella, Damiano. La stagione si dimostra importantissima: la squadra guida il campionato di Eccellenza fino a poche settimane dalla fine quando il Vigevano soffia il podio e chiude in testa ad un punto di distacco.

dal 2010

Arriviamo quindi alla stagione 2009-2010: la Caronnese Calcio porta a termine insieme alla Salus et Virtus Turate un progetto di unione che vede la nascita della Società Calcistica Insubria CaronneseTurate che si appresta a vivere la sua prima annata sportiva, ricca di entusiasmi e importanti obiettivi. Nel primo anno di attività della nuova Società la Prima squadra di capitan Giacomo Curioni chiude (alla guida prima di Walter Viganò e poi di Fabrizio Cesana) ad un soffio dalla zona play off e il Settore Giovanile festeggia la vittoria del campionato degli Allievi 1994 guidati dal duo Pironti e Arzani. La stagione 2010-2011 si apre con un nuovo cambio sulla panchina della panchina rossoblu: arriva Tiziano Zorzetto che viene poi sostituito a dicembre da Corrado Cotta. La squadra presenta al suo interno importanti elementi che arrivano anche dal mondo professionistico e da categorie primarie come Arturo Di Napoli e Carlo Trezzi. Il girone di ritorno conferma la Caronnese come la più forte formazione del proprio girone: i rossoblu chiudono l’anno in zona play off. Nel settore giovanile gli Allievi Regionali 1994 vincono il proprio campionato.

Nella stagione 2011-2012 la Prima Squadra rimane saldamente nelle mani di mister Cotta: la Società effettua un piccolo maquillage alla rosa della stagione precedente (da segnalare l’arrivo dell’esperto Bruni e dei giovani Galli –portiere-, Redaelli e Giudici) e alla fine dell’annata arriva proprio dietro il gruppo “playoff” in una classifica vinta dallo Sterilgarda Castiglione. A livello di settore giovanile gli Allievi ‘95 e i Giovanissimi ‘97 mantengono la categoria Regionale, la più prestigiosa mentre gli Allievi ’96 e i Giovanissimi ’98 vincono i rispettivi campionati. La stagione 2012-2013 si apre con la riconferma di Mister Cotta al timone della Prima Squadra in Serie D (poi sostituito da febbraio da Ernestino Ramella). Da segnalare in porta l’arrivo del giovane Ziglioli, in difesa dell’esperto Marietti e dell’altrettanto giovane Legrenzi, a centrocampo di Greco ed in attacco dello juniores Moreo che svetta su tutti con prestazioni eccelse tanto da meritarsi a fine anno una promozione nel Varese in serie B e da lì alla Virtus Entella in Lega Pro. La squadra chiude la stagione ad un soffio (giusto un punto) dagli agognati playoff. La Juniores nazionale è nelle sapiente mani di Tiziano Zorzetto che alla fine la porta in posizione da podio conquistando la quarta posizione assoluta. Nel Settore Giovanile da segnalare la vittoria del campionato Giovanissimi regionale 1998.

Nella stagione 2013-2014 la Prima Squadra viene affidata alle cure di Marco Zaffaroni: la rosa viene fortemente ringiovanita mentre tra i giocatori più esperti si registrano gli arrivi di Simone Moretti, Stefano Baldan, Roberto Rudi e Luca Guidetti che affiancano il capitano Federico Corno e il vice capitano Jacques De Spa. Alla fine della stagione sportiva la formazione rossoblu chiude al quarto posto e disputa i play off di fine stagione. A livello di Settore Giovanile sono molte le soddisfazioni. Sono ben tre le squadre che vincono il proprio campionato: la Juniores Nazionale guidata da Mister Zorzetto, gli Allievi 1998 Provinciali di Mister Vecchio e i Giovanissimi 2000 Provinciali guidati da Mister Forestieri.

Nell’annata 2014-2015 la Prima Squadra, con una rosa praticamente confermata è guidata ancora da Marco Zaffaroni e conferma le sue potenzialità piazzandosi alla fine del campionato in quinta posizione in classifica con il più alto punteggio di sempre, andando poi a giocarsi anche i play off. Novità l’istituzione della nuova Direzione Tecnica “Prima Squadra e Juniores Nazionali” guidata da Renato Aresi (Direttore Tecnico) a cui rispondono i tecnici e gli staff delle squadre suddette e al cui interno Walter Vago ricopre per il quinto anno consecutivo il ruolo di Direttore Sportivo. La Juniores Nazionale guidata da Luca Petrone si classifica in un’ottima quarta posizione. Nel Settore Giovanile  le squadre del vivaio mantengono la categoria Allievi Regionali A, vincono tutti i campionati provinciali con gli Allievi B e con i Giovanissimi e nella stagione primaverile vincono anche il campionato dei Giovanissimi 2000 guadagnandosi per la stagione la categoria regionale A con gli Allievi 2001. Nella stagione 2015-2016 la prima squadra guidata per il terzo e ultimo anno da Mister Zaffaroni (il cui staff viene rinforzato con il vice Andrea Vecchio) aggiunge tra gli altri al suo zoccolo duro il forte bomber Denis Mair e chiude la stagione al secondo posto in classifica con ben 82 punti,a  quattro lunghezze dalla vincente Sporting Bellinzago. Due record per la squadra rossoblù: nel ranking di fine anno la Caronnese risulta la vincente assoluta dei play off classificandosi prima tra tutti i gironi d’Italia e il suo centrocampista Luca Guidetti viene proclamato “miglior centrocampista d’Italia”. Grandi risultati anche dal vivaio dove registriamo tutte le squadre tengono alta la bandiera rossoblù per tutto il corso dell’annata.

 

Arriviamo quindi ai giorni nostri, alla stagione 2016-2017: “La nostra Società continuerà ad essere un importante punto di riferimento per la Lombardia e non solo, anche a livello interregionale, sia come Prima Squadra che di Settore Giovanile”, esclama il Presidente Augusto Reina, “ognuno di noi si mobiliterà affinchè la nostra anima societaria e la nostra funzione sociale sia sempre più solida in un periodo in cui tante certezze sono totalmente scomparse”.

Fabrizio Volontè

ULTIME NEWS DAL CLUB

La Società mette a disposizione degli atleti strutture sportive moderne e funzionali

Campi da calcio ad hoc per gli allenamenti, una Sede societaria e uno stadio nuovissimo completo di tribuna multilivello, mezzi di trasporto dedicati alle squadre e una sala stampa per gli addetti ai lavori. E ancora bar, magazzini e una Club House per tutti i tifosi.

L'ORGANIGRAMMA

Tutti gli uomini del Presidente.

La Caronnese ha ufficializzato la struttura direttiva della stagione.

Ecco, nome dopo nome, i protagonisti della Società

RASSEGNA STAMPA

Nasce una nuova sezione dedicata a chi parla di noi

Caronnese 380×600